Logo fisarvicenza smallsommelier smallP5225577

A Tavola

La temperatura influisce in modo inequivocabile sulla componente aromatica costituita da alcoli, aldeidi, acetali, acidi, esteri,ecc. I sapori evolvono in modo differente a seconda della temperatura tanto che un vino dolce a bassa temperatura risulta meno dolce, mentre il gusto salato, amaro ed astringente è maggiormente esaltato alle basse temperature. Dolcezza e morbidezza sono più percettibili all’aumento della temperatura mentre sapidità e durezza lo sono con l’abbassamento della temperatura. La temperatura di servizio del vino è un aspetto fondamentale che consente di apprezzare le sue qualità organolettiche in modo appropriato.

Le regole principali da tenere sempre ben presenti sono le seguenti:

1. Non servite mai vino ghiacciato, il freddo ammazza il gusto. Ma neppure troppo caldo: la temperatura non deve salire sopra ai 20°.

2. Se conservate un vino in frigorifero per molto tempo rischiate di compromettere profumo e sapore.

3. Ricordatevi che le bottiglie in tavola si scaldano velocemente. Specialmente i vini bianchi vanno mantenuti freschi.

4. Quando si parla di temperatura ambiente per i vini rossi, si intende tra i 18 ed i 20°, meno di quella delle case riscaldate durante l´inverno.

La tabella che segue riporta le temperature di servizio per le varie tipologie di vini: