Logo fisarvicenza smallsommelier smallP5225577

Girando per il Veneto

2004   Bianco e rosato e rosso   bianco, frizzante: min. 50% friulano

rosato, rosso, novello: min. 50%

Riviera del Brenta D.O.C. (D.M. 21/6/2004 - G.U. n.154 del 3/7/2004)

zona di produzione
● in provincia di Padova: comprende i territori dei comuni di Borgoricco, Cadoneghe, Campodarsego, Curtarolo, Massanzago, S. Giorgio delle Pertiche, Vigodarzere, Vigonza, Villanova di Camposampiero e parte dei territori dei comuni di Campo S. Martino, Camposampiero, Limena (Parte ex del Brenta), Loreggia, Noventa Padovana, Padova, Piove di Sacco, S. Giorgio in Bosco, Santa Giustina in Colle, S. Angelo di Piove, Saonara, Trebaseleghe e Villa del Conte;
● in provincia di Venezia: comprende i territori dei comuni di Camponogara, Dolo, Fiesso d'Artico, Fossò, Mirano, Noale, Pianiga, Salzano, S. Maria di Sala, Spinea, Stra, Vigonovo e parte dei comuni di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Martellago, Mira, Scorzé e Venezia;

base ampelografica
● bianco, frizzante: min. 50% friulano + pinot bianco e/o pinot grigio e/o chardonnay max. 50%;
● con menzione del vitigno bianchi: Pinot Bianco (anche frizzante, spumante), Pinot Grigio, Chardonnay (anche frizzante, spumante), Tai ciascuno min. 85% + vitigni a bacca bianca racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia max. 15%;
● spumante: min. 60% chardonnay, max. 40% pinot bianco e/o pinot grigio e/o chardonnay e/o friulano;
● rosato, rosso, novello: min. 50% merlot, max. 50% raboso (piave e/o veronese) e/o cabernet franc e/o cabernet sauvignon e/o carmenère e/o refosco;
● con menzione del vitigno rossi: Merlot, Cabernet (franc e/o sauvignon e/o carmenère) anche riserva, Raboso (piave e/o veronese) anche riserva, Refosco anche riserva ciascuno min. 85% + vitigni a bacca rossa racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia max. 15%;

norme per la viticoltura
● per i nuovi impianti e reimpianti la densità minima non deve essere inferiore a 2.500 ceppi/Ha;
● le forme di allevamento ed i sesti di impianto consentiti sono quelli normalmente in uso nella zona e precisamente la controspalliera singola e doppia; sono vietate le forme di allevamento espanse a pergola, a tendone e a raggi;
● è consentita l'irrigazione di soccorso;
● la resa massima di uva in coltura specializzata e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo devono essere di 15 t/Ha e 9,50% vol. per il Tocai Friulano, 15 t/Ha e 10,50% vol. per il Merlot, 14 t/Ha e 10,00% vol. per il Raboso (12 t/Ha e 11,00% vol. per la tipologia Riserva), 13 t/Ha e 10,00% vol. per Pinot Bianco e Chardonnay, 13 t/Ha e 10,50% vol. per Refosco (12 t/Ha e 11,00% vol. per la tipologia Riserva) e Cabernet (12 t/Ha e 11,50% vol. per la tipologia Riserva), 12 t/Ha e 10,00% vol. per il Pinot Grigio;
● le uve destinate alla produzione del tipo spumante, possono avere un titolo alcolometrico volumico naturale minimo non inferiore al 9,00% vol. purché la destinazione delle uve alla spumantizzazione venga espressamente indicata negli appositi registri;

norme per la vinificazione
● le operazioni di vinificazione, ivi compreso l'invecchiamento obbligatorio, devono essere effettuate all'interno della zona di produzione, tuttavia, tenendo conto degli usi tradizionali della zona, è consentito che le operazioni di elaborazione per la produzione dei vini spumanti e frizzanti avvengano in tutto il territorio della regione Veneto;
● è consentita la correzione dei mosti e dei vini nei limiti stabiliti dalle norme comunitarie e nazionali, con mosti concentrati ottenuti da uve prodotte nei vigneti iscritti all'albo della stessa denominazione d'origine controllata, oppure con mosto concentrato rettificato o a mezzo della concentrazione a freddo o altre tecnologie consentite;
● è ammessa la colmatura dei recipienti contenenti i vini a Doc "Riviera del Brenta" entro un massimo del 5% con altri vini dello stesso colore e della stessa annata, aventi diritto alla medesima denominazione d'origine, fermo restando l'obbligo di rispettare la presenza minima dell'85% delle varietà e delle annate oggetto della designazione;
● la tipologia "Novello" deve essere ottenuta attuando il processo della macerazione carbonica per almeno il 40% delle uve raccolte nei vigneti iscritti all'albo;
● le tipologie "Spumante" previste, devono essere ottenute esclusivamente per fermentazione naturale sia in bottiglia che a mezzo autoclave, utilizzando i mosti o i vini ottenuti dai vigneti iscritti agli albi delle varietà descritte nel presente disciplinare;
● le tipologie "Frizzante" previste, devono essere ottenute esclusivamente per fermentazione naturale, utilizzando i mosti o vini ottenuti dai vigneti iscritti agli albi della varietà descritte nel presente disciplinare. Possono essere elaborati nelle versioni secco, abboccato e amabile;
● i vini Cabernet, Raboso, e Refosco dal peduncolo rosso, possono essere designati con la menzione "Riserva", solo qualora siano sottoposti ad un periodo di invecchiamento di almeno 2 anni, di cui almeno 6 mesi in botte di legno, con decorrenza dal 1° novembre dell'annata della vendemmia;

norme per l'etichettatura
● l'indicazione dell'annata di produzione delle uve in etichetta è obbligatoria per le tipologie "Riserva" e "Novello"