Logo fisarvicenza smallsommelier smallP5225577

Vino e Salute

La dieta mediterranea come scelta protettiva

Nei prossimi anni in Europa il tasso di mortalità provocato dal cancro diminuirà ulteriormente, ma il numero complessivo di casi aumenterà, in gran parte come conseguenza dell’invecchiamento della popolazione. In Europa l’obiettivo per prevenire i tumori continuerà ad essere una dieta sana, il controllo dell’obesità e la riduzione del consumo di tabacco. Un modello alimentare salutare nei paesi europei è la dieta mediterranea tradizionale, basata su un consumo frequente e vario di frutta e verdura, un consumo abbondante di cereali, di olio di oliva come grasso (aggiunto) principale, una bassa assunzione di carni (rosse) e un consumo moderato di vino. La dieta mediterranea si associa ad un rischio ridotto di malattie cardiovascolari e tumori. I meccanismi biologici per la prevenzione dei tumori legati ad una dieta mediterranea sono stati associati agli effetti benefici di una composizione equilibrata fra acidi grassi essenziali omega 6 e omega 3 e elevate quantità di fibre, antiossidanti e polifenoli presenti nella frutta, verdure, olio d’oliva e vino. La dieta mediterranea comporta anche un “modo di bere mediterraneo”, vale a dire un consumo regolare, moderato di vino soprattutto durante i pasti. Questo modello di bere allunga la vita, riduce il rischio di malattie cardiovascolari e non influenza significativamente il rischio complessivo di sviluppare un tumore. Tuttavia, un consumo elevato di alcol viene associato a tumori dell’intestino, del tratto respiratorio superiore, del fegato e del seno. In conclusione, il non-consumo o una limitazione nell’assunzione di alcol a due bicchieri al giorno per gli uomini e un bicchiere al giorno per le donne rappresenta una priorità globale di salute pubblica.

(tratto da European Journal of Cancer Prevention, 2012 May)